Come nel movimento del battito del cuore, che si contrae e si espande, così la memoria a tratti abbraccia panorami più estesi, a tratti si concentra su alcuni elementi in particolare. Il Memoria Festival di Mirandola segue questo ritmo, alternando un’edizione più ampia ad una più concentrata: quest’anno torna con tre giorni di conversazioni, spettacoli e approfondimenti per esplorare le Figure del Mito e del Destino, insieme a filosofi e scienziati, storici e scrittori, giornalisti e critici letterari.

Organizzato dal Consorzio per il Festival della Memoria di Mirandola, con la collaborazione della casa editrice Einaudi, il PRO-MEMORIA si svolgerà da venerdì 9 giugno a domenica 11 giugno 2017 (con un’anteprima speciale la sera di giovedì 8 giugno e un post-festival lunedì 12 giugno), proseguendo quello straordinario viaggio della memoria che – prendendo spunto da Giovanni Pico, il mirandolese più famoso di sempre, che rese proverbiale l’uso delle doti mnemoniche per la divulgazione di sapere e conoscenza – ha determinato il successo della prima edizione dell’evento. E così, se il Memoria Festival è un contenitore di incontri, conferenze, tavole rotonde, concerti, proiezioni, workshop, laboratori, mostre e giochi, il PRO-MEMORIA ne è una formula più concentrata, tematica, direttamente legata a un aspetto particolare della memoria. Un filo conduttore che farà da scintilla per investigazioni e suggestioni che si muoveranno liberamente sul piano spaziale e temporale, sul filo dell’arte e su quello della scienza.